mercoledì 24 giugno 2015

Se quelli che pensano di vivere nel secolo scorso fossero coerenti e vivessero davvero come cento anni fa tipo mormoni hai presente ne guadagneremmo tutti

Questo e' il disegno che ho dedicato ad un utente dell'internet in seguito ad una delirante discussione su facebook.


martedì 9 giugno 2015

Aroma

Oggi sono andato a prendere l'erba e sono tornato in pulman. Sono stato tre ore a casa del mio amico che me la vende fumando e bevendo birra. Salito sul pulman tutti si danno un'occhiata l'un l'altro e cominciano a mormorare. Sento che parlano di sentire l'odore di qualcosa e io penso che qualcuno abbia fatto una scoreggia, poi qualcuno ride e qualcuno mi parla anche ma io sono troppo fatto per capire che cazzo succede. Alla fine riesco a capire che stanno ridendo dell'odore di erba di cui ho saturato l'ambiente alla mia salita sul mezzo.

giovedì 7 maggio 2015

Slapp Happy - Sort Of (1972)

Non ci sono limiti alla capacita' espressiva del prog rock, i suoi confini labili e sfocati permettono l'apertura e la contaminazione dai generi piu' disparati, inoltre l'esiguo numero di linee guida che caratterizzano le produzioni catalogate sotto questo genere consentono infinite interpretazioni dell'idea di fare musica. Nel caso degli Slapp Happy, il rock convenzionale e tendente al pop viene rivisto e reinterpretato, per dare una visione diversa di come delle canzoni rock possono essere composte. Gli Slapp Happy, nella loro breve ed intensa storia, riescono ad uscire dagli schemi e sviluppare uno stile unico che li identifica inequivocabilmente. Etichettati spesso come band avant-guard, vertono piuttosto su un pop/rock non necessariamente in forma canzone, inconvenzionale, con siparietti ed escursioni strumentali, ed in questo possono ricordare i Gong. Accordi semplici, ritornelli orecchiabili, ma tutto particolare, in forma molto free, con testi ironici e giocosi. La band nasce da un'idea di Anthony Moore, che ci regalera' numerosi album solisti alla fine di quest'avventura. Anche gli altri due musicisti avranno carriere importanti: Peter Blegvad, che comincia la propria carriera proprio negli Slapp Happy, suonera' con numerose band fra cui gli XTC, e Dagmar Krause entrera', anzi restera' come vedremo, negli Henry Cow. L'inglese Anthony Moore, tastierista, viveva in Germania, era sotto contratto per la Polydor e aveva pronto il materiale per quello che sarebbe dovuto essere il suo terzo disco, ma l'etichetta, che stava prendendo una pericolosa deviazione commerciale, voleva pezzi piu' orecchiabili. Allora decide di formare una band con la sua futura moglie, la cantante tedesca Dagmar Krause, ed il suo amico americano Peter Blegvad, chitarrista, che all'epoca era ancora uno studente. I tre si avvalgono degli amici Faust per la parte ritmica ed il sax (Peter suona anche il clarinetto), e riarrangiano i pezzi di Anthony, arricchendoli con idee individuali. Cio' che ne esce e' questo meraviglioso e delicato Sort Of, che convince la Polydor alla pubblicazione. Affiatatisi come band, i tre di li' a poco vorrebbero pubblicare un secondo album, ma la Polydor rifiuta ancora una volta il materiale, richiedendo canzoni piu' commerciali. A quel punto al gruppo non resta altro da fare che trasferirsi a Londra e firmare per la Virgin. Questo secondo album, chiamato originariamente Casablanca Moon, viene riregistrato con musicisti del circuito Virgin, fra cui Geoff Leigh, e dato alle stampe con il titolo Slapp Happy, siamo nel 1974. Il disco originale verra' eventualmente pubblicato 6 anni dopo con il titolo Acnalbasac Noom. Qui si chiude l'avventura degli Slapp Happy, salvo una futura reunion, in quanto proprio il sassofonista Geoff Leigh invita i tre alla collaborazione con la sua band di appartenenza, e cio' sfociera' in un album pubblicato a nome Slapp Happy/Henry Cow: Desperate Straights del 1975. A questo punto Anthony prosegue la propria carriera solista, Peter comincia la propria, e Dagmar rimane negli Henry Cow. Sort Of si apre con Just A Conversation, condotto da una chitarra strimpellante e dalla potente quanto aggraziata (molto teutonica) voce della Krause: pezzo che si lascia apprezzare immediatamente, per la semplicita' quanto genialita' degli accordi, una delle canzoni migliori dell'album. Paradise Express vede Peter al canto ed un brano trascinato ancora dalla chitarra, qui molto wah-wah-ggiante, ed un indovinato innesto di sax che contribuisce da solo a rendere questo pezzo particolare e piacevole. Si prosegue con I Got Evil: motivetto semplice ed accattivante, brano trascinato dalla voce ancora di Peter, ma la parte del leone la fa un clarinetto distorto, o forse un kazoo, che non solo nobilita il brano conferendogli un bella dose di peculiarita', ma lo completa e lo riempie. Canzone che suscita sicuramente ilarita'. In Little Girls World si risente la voce di Dagmar, che qui duetta con Peter ma si prende la responsabilita' delle parti piu' intense. Brano ancora semplice, calmo, quasi soffuso e sussurrato, rilassante; chitarra, piano e percussioni accompagnano la voce e si lanciano in un bello stacco strumentale a meta' pezzo, pero' e' sicuramente la parte cantata quella piu' interessante. La canzone seguente, Tulank Homun, e' la piu' breve e probabilmente la meno importante: si tratta di un rock'n'roll convenzionale con Peter alla voce (si e' capito che preferisco di gran lunga la Krause), senza particolare ispirazione. Per fortuna il pezzo successivo, Mono Plane, brano piu' lungo e probabilmente piu' prog del disco, ci salva dal passo falso precedente, sciorinando un brano solido e riuscito, a meta' fra blues e folk, con una grande prestazione di Peter alla chitarra. Pero' il brano migliore arriva dopo: Blue Flower e' un capolavoro pop con una melodia dolce e indovinatissima, una maiuscola prestazione di Dagmar al canto e una chitarra che piu' accattivante di cosi' non si puo'. E' la perfetta dimostrazione di come partire da un'idea semplice e costruirci intorno un brano incredibile grazie all'aggiunta di poche ma ottime intuizioni. I'm All Alone e' una canzone piu' intimista, lenta e pacata, ancora condotta dalla voce femminile, dalla chitarra e dal sax. La seguente, Who's Gonna Help Me Now, si colloca nuovamente ad altissimi livelli pur essendo semplicissima nella sua struttura: voce femminile e chitarra folk, melodia ed accordi praticamente perfetti ed orecchiabili; gli Slapp Happy ci stupiscono con motivi incredibilmente facili nell'esecuzione e assimilazione quanto catchy ed indovinati. Small Hands Of Stone, un gradino piu' in basso rispetto al brano precedente, e' condotto dal piano, dalle due voci e dal sax, ed e' piu' calmo e rilassato, percussione appena percepibile, ma si lascia ascoltare comunque con piacere. La title track e' uno strumentale di due minuti e mezzo per chitarra e basso, la cui perfezione ed immediatezza sono da ascoltare e godere dal primo all'ultimo secondo. Heading For Kyoto, il pezzo successivo, e' un altro esempio della fluidita' di composizione dei tre musicisti: canto, percussioni e strimpellate di chitarra sono i pochi e semplici ingredienti di un brano stupendo. Jumping Jonah, la canzone conclusiva, non aggiunge molto all'incredibile lavoro esposto, e' un boogie a piu' voci e la solita chitarra a fare da protagonisti. Per concludere, una band che ha saputo ritagliarsi il suo spazio negli annali pur senza proporre soluzioni audaci o barocche, tecnicismi portati all'estremo, pomposita', quanto piuttosto ha preferito puntare sull'ispirazione pura ed un sound conciso, immediato, scarno e senza fronzoli. Un bellissimo album di pop rock anni '60 rivisto in chiave folk-psichedelica.

lunedì 23 febbraio 2015

Il Jobs Act e i lavoratori “carne da macello”

Io mi domando se gli italiani siano un attimo consapevoli di quello che contiene il Jobs Act, visto che stanno per essere completamente spogliati di ogni diritto sul posto di lavoro.

Il traguardo del Jobs Act è finalmente raggiunto: l’introduzione dei demansionamenti unilaterali chiude il cerchio della liquefazione del lavoro. Ma c’è una raggelante novità: l’attacco ai pilastri della sicurezza del lavoro contenuto nel nuovo art. 2103 c.c. segna la strada verso la “macellazione” dei lavoratori e l’abrogazione di fatto del valore fondante della Repubblica: l’art. 1 della Costituzione.
Trasportava ogni giorno, per i grigi corridoi della banca, un carrello carico di oggetti di cancelleria. E lo faceva piangendo sommessamente, porgendo le penne, i quaderni, le gomme, i fogli richiesti da quelli che erano stati i suoi colleghi, almeno fino a quando la banca non aveva deciso, per “ragioni di riorganizzazione interna”, di sottrarlo ai compiti di impiegato addetto alla gestione dei flussi contabili e di assegnarlo alle nuove mansioni di riordino e consegna dei materiali e degli strumenti di lavoro, quasi un “cartolaio ambulante”.
Ormai svuotato da mesi di umiliazione personale e professionale, impossibilitato a ricollocarsi sul mercato per la progressiva perdita della propria qualificazione, aveva deciso di ottenere giustizia invocando i principi dell’art. 13 dello Statuto dei Lavoratori: nessuno può essere adibito a mansioni lavorative inferiori rispetto a quelle di assunzione, né può vedersi diminuita la retribuzione; ogni patto o accordo contrario è nullo, anche se sottoscritto con il consenso dello stesso lavoratore.

Quella che alcuni anni fa era stata una vertenza a lieto fine, con il risarcimento per il “lavoratore carrellista” degli ingenti danni patrimoniali e non patrimoniali subiti e la reintegra nelle originaria mansioni, oggi è soltanto un malinconico ricordo. L’approvazione dell’art. 55 dello “Schema di decreto legislativo recante il testo organico delle tipologie contrattuali e la revisione della disciplina delle mansioni, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183” infatti, con l’introduzione nell’art. 2103 c.c. della possibilità di assegnare unilateralmente il lavoratore “a mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore” nel vago e generico caso di “modifica degli assetti organizzativi aziendali”, addivenendo anche alla decurtazione degli “elementi retributivi collegati a particolari modalità di svolgimento della precedente prestazione lavorativa”, ha ufficialmente cancellato con un tratto di penna decenni di civiltà del lavoro, riportandolo a condizioni addirittura anteriori all’approvazione del codice civile del 1942.
Partiamo proprio da questo punto, per capire la “modernità regressiva” dell’ultima riforma introdotta dal Jobs Act.
Addirittura nella versione originaria dell’art. 2103 c.c., approvata nel 1942 con il codice civile (siamo dunque ancora sotto l’egida di un ormai decadente regime fascista), il legislatore prevedeva la possibilità di demansionare unilateralmente il lavoratore, subordinata tuttavia ad un doppio limite rappresentato dalla “irriducibilità della retribuzione” e dalla necessità di mantenere la “posizione sostanziale”. Ne sono derivate, nella prassi giurisprudenziale, rigide interpretazioni che hanno spesso censurato i demansionamenti unilaterali che si sostanziavano non solo in un oggettivo mutamento del contenuto professionale dell’attività lavorativa, ma anche in alterazioni soggettive del prestigio sociale, del prestigio morale e della dignità professionale del lavoratore.
L’apice della civiltà del lavoro, come testè accennato, si è raggiunto con l’introduzione dell’art. 13 da parte dello Statuto dei Lavoratori (L. 300/1970) che, nel novellare l’art. 2013 c.c. imponendo il principio della irriducibilità delle mansioni e della retribuzione lavorativa, ha perseguito due fini di rilievo costituzionale: il primo, relativo allo scopo dell’attività lavorativa, che deve sostanziarsi non solo nella finalità produttiva, ma anche nell’accrescimento professionale del lavoratore, così come prescritto dall’art. 35, 2° comma Cost., secondo il cui disposto la Repubblica “Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori”. Il secondo, naturalmente connesso con il primo, inerisce alla dignità del lavoratore e della persona stessa: il lavoro infatti, oltre che strumento di affrancamento dal bisogno, è anche e soprattutto espressione e realizzazione della personalità del lavoratore, la cui realizzazione professionale ne è al contempo la sintesi ed il punto di arrivo. Naturale, dunque, il legame individuato dalla giurisprudenza tra il divieto di demansionamento dell’art. 2103 c.c. e i diritti fondamentali garantiti dall’art. 2 della Costituzione.
La modifica contenuta nello schema di decreto approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri del 20 febbraio, al contrario, proprio in ragione degli amplissimi poteri conferiti al datore di lavoro, pare trarre ispirazione da un modello imprenditoriale diffuso qualche secolo fa, agli albori della prima rivoluzione industriale o, se si vuole richiamare i “tempi moderni”, agli standard lavorativi cinesi.
E’ opportuno premettere come questa norma, a differenza del contratto “a tutele crescenti”, si applichi a tutti i lavoratori, iniettando il veleno di una flessibilità liquida anche ai rapporti di lavoro in corso. Questa autentica rivoluzione del lavoro, dunque, si sostanzia – come vedremo – in una universale liquefazione del lavoro, che coinvolge tanto i nuovi quanto i vecchi assunti.
L’ulteriore lettura del “nuovo” art. 2103 c.c., tuttavia, lascia senza parole.
Il meccanismo principale è esposto nel secondo comma: il datore di lavoro, adducendo una qualsivoglia “modifica degli assetti organizzativi aziendali” che “incidono sulla posizione del lavoratore”, può assegnarlo a mansioni “appartenenti al livello di inquadramento inferiore”. Via libera dunque alla possibilità di demansionare unilateralmente il lavoratore, con l’accortezza di “travestire” il provvedimento con una delle molteplici e possibili ragioni organizzative aziendali: il lavoratore, dunque, potrà anche precipitare dai vertici ai piedi della scala delle mansioni, non essendo in nessun modo reperibile nel testo della norma il riferimento ad un livello immediatamente inferiore, ma solo ad un generico “livello inferiore”.
Ovviamente, se alle mansioni di precedente assegnazione erano legate delle speciali indennità (quali, ad esempio, l’indennità di maneggio del denaro o indennità relative ad altri rischi), queste saranno eliminate con le nuove mansioni inferiori: semaforo verde, dunque, anche alla riducibilità della retribuzione.
Il menù predisposto per imprenditori particolarmente voraci si arricchisce di un’ulteriore scelta à la carte: la riduzione integrale della retribuzione al nuovo livello della mansione inferiore, nel caso in cui il demansionamento sia frutto di un “accordo” tra le parti, giustificato dall’ “interesse del lavoratore alla conservazione dell’occupazione”, dall’ “acquisizione di una diversa professionalità” o dal “miglioramento delle condizioni di vita del lavoratore”. Siamo al trionfo dell’ipocrisia legale; appare sarcasticamente beffardo il riferimento all’interesse del lavoratore all’acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita operato dalla norma, considerando che gli accordi in questione comporterebbero in concreto una doppia perdita: di professionalità, tarpata da mansioni dequalificanti, e di retribuzione, ridotta ai nuovi inferiori livelli.
Di più ed oltre, questi accordi di demansionamento lungi dall’essere frutto della “spontanea volontà delle parti”, potrebbero essere oggetto di una pressante coazione, che coinvolgerebbe soprattutto i lavoratori “a tutele crescenti” privi dello scudo dell’art. 18 Stat. Lav. e sotto la spada di Damocle del licenziamento a indennizzo ridotto.
Ma vi è qualcosa di ben più grave, che sembra motivato più da ragioni vendicative che da motivazioni tecnico-produttive, quasi fossero i lavoratori i colpevoli della devastante crisi economica.
Si tratta del comma terzo, che è opportuno riportare per intero, al fine di comprenderne tutta la sua gravità: “Il mutamento di mansioni è accompagnato, ove necessario, dall’assolvimento dell’obbligo formativo, il cui mancato adempimento non determina comunque la nullità dell’atto di assegnazione delle nuove mansioni”.
Vediamone le possibili implicazioni.
La norma implicitamente dice, in modo apparentemente neutro, che in caso di mutamento unilaterale delle mansioni, il datore di lavoro può anche omettere l’obbligo di formazione del dipendente alle nuove mansioni: in questo caso, l’assegnazione alle mansioni – ad esempio – inferiori sarà comunque valida e legittima, ed il lavoratore – di conseguenza – dovrà proseguire nello svolgimento delle nuove prestazioni lavorative, anche senza la dovuta formazione.
E’ l’attacco diretto – e subdolo – alla sicurezza del lavoro, al principio consolidato per cui la formazione e l’addestramento specifico del lavoratore in caso di trasferimento o cambiamento di mansioni (art. 37, comma 4, lett. b dlgs. 81/2008, cd “Codice della sicurezza”) è il primo strumento di prevenzione degli infortuni sul lavoro.
Le conseguenze di questa abominevole disciplina sono tanto semplici da comprendere quanto agghiaccianti: il prestatore di lavoro che venisse preposto a nuove mansioni e che, ad esempio, dovesse passare dalla scrivania all’utilizzo di un macchinario della catena di montaggio, potrà essere preposto anche senza alcuna specifica formazione all’utilizzo della macchina. L’adibizione, comunque, sarà valida, con la conseguenza che il lavoratore sarà obbligato a svolgere le nuove prestazioni lavorative e ad utilizzare il macchinario senza alcuna specifica cognizione: come dire, a suo rischio e pericolo. Con la correlativa, possibile responsabilità disciplinare e risarcitoria diretta del lavoratore per gli eventuali errori compiuti nello svolgimento della nuova prestazione lavorativa e che provocassero, ad esempio, un danno aziendale.
E se il lavoratore destinatario del mutamento di mansioni dovesse essere vittima di un infortunio a causa dell’assenza di specifica formazione? E’ molto probabile che, in caso di richiesta di risarcimento dei danni da parte del lavoratore, il datore di lavoro si difenderà sostenendo la legittimità della propria condotta e rifiutando qualsivoglia responsabilità risarcitoria, confortato dal sigillo di legge per cui “il mancato adempimento non determina comunque nullità dell’atto di assegnazione delle nuove mansioni”. Interpretazione assolutamente plausibile in assenza di altre specificazioni in merito alle conseguenze sulla sicurezza lavorativa che il legislatore delegato, colpevolmente, ha omesso.
Stiamo dunque parlando della clamorosa e palese violazione del principio cardine del diritto del lavoro, contenuto nel noto art. 2087 c.c. (rubricato “tutela delle condizioni di lavoro”), secondo il cui disposto “L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”.
Il lavoratore non vale più neanche il prezzo di un costo di formazione e di addestramento: è ormai diventato solo “carne da macello”.
Del resto, che la liberalizzazione di fatto delle condotte demansionanti sia il punto di arrivo del processo di “merficicazione” del lavoro e dei lavoratori è desumibile anche dalla considerazione che, con il rinnovato art. 2103 c.c., si conferisce il formale visto di “legalità” a comportamenti che decenni di studi di sociologia del lavoro – oltre che di pronunce giurisprudenziali – hanno definito sia come espressione del cosiddetto “mobbing”, sia come generatori di danni esistenziali, biologici e professionali nella sfera dei lavoratori vittime di tali condotte. Realtà concreta e realtà normativa si allontanano definitivamente, portando al cortocircuito della giustizia.
Gli apologeti della “modernità lavorativa” certamente canteranno l’inno alla flessibilità nella gestione lavorativa e all’ormai raggiunta produttività, anticamera della “crescita”; uno sguardo meno ideologico alla viva realtà del lavoro, al contrario, evidenzierebbe come alla base di questa nuova disciplina non vi possa essere nessuna esigenza economico-produttiva, poiché vanificata dalla creazione di lavoratori dequalificati, trasformati in mere “pedine”, scarnificati della propria professionalità e, dunque, tutt’altro che produttivi.
Al contrario, sottese all’approvazione di questa norma – che costituisce l’autentico architrave della “riforma del lavoro” – vi sono ragioni politiche: di una politica che parla le parole della nuova Costituzione materiale (o Controcostituzione), in cui il nuovo art. 2103 c.c. è la leva per lo scardinamento di fatto dell’art. 1 della Costituzione, ove la dignità del lavoro è schiacciata sotto il tallone delle esigenze produttive di impresa e delle ferree ed ineluttabili leggi neoliberiste di mercato.
Di fronte a questo sconfortante panorama, dinanzi alla definitiva eclissi del valore fondante e formante della Repubblica, non puo’ non tornare alla mente il severo monito del nichilismo giuridico che, con uno sguardo intriso di dolente realismo, individua nel “valore il principio sostenuto dalla volontà più forte ed efficace. Carte Costituzionali ed altre solenni dichiarazioni sempre contengono norme, poste dalla volontà umana, e quindi trasgredibili modificabili revocabili.
Nulla sfugge alla distruttiva temporalità dell’uomo”. Nemmeno la laica sacralità della “Repubblica democratica fondata sul lavoro”, oseremmo aggiungere.

di Domenico Tambasco


Articolo originale