lunedì 25 agosto 2008

Pan - On the air (1970)

I Pan sono uno degli innumerevoli gruppi sconosciuti ai più, non provenendo da una nazione famosa per la produzione musicale, la Danimarca, e avendo una discografia alquanto scarna, ovvero composta da un unico album. Imbattersi in una di queste band solitamente avviene casualmente, infatti leggiucchiando qua e là su blog e siti vari sono stato colpito da una buona recensione del loro unico omonimo album del 1970, posterei il link se avessi una vaga idea di dove ero finito. Questo album omonimo l'ho cercato a lungo anche sui circuiti di file sharing ma l'unica cosa che ho trovato è una sua esecuzione live per una radio danese da cui è stato estratto l'album in questione. Quindi non penso ci sia molta differenza fra l'album in studio e il suddetto, infatti non sembra neanche di sentire un live. L'origine del gruppo risale a quando tal Robert Lelievre, francese di nascita, per sfuggire al servizio militare decide di partire in giro per l'Europa in perfetto stile figlio dei fiori e in Danimarca incontra i suoi futuri compagni di avventura Arne Wurgler al basso, Henning Verner all'organo, Thomas Puggard-Muller alla chitarra, Michael Puggard-Muller alla batteria e Niels Skousen alla voce, mentre Robert suona la chitarra e canta. Tutte le canzoni sono state scritte dal musicista francese il quale, purtroppo, mostra presto segni di squilibrio psichico e il gruppo di fatto finisce qui, rendendo il lavoro un album culto per gli appassionati. Robert non riuscirà mai a liberarsi dei propri demoni interiori e si suiciderà nel 1973. Lo stile dei Pan è un prog molto tendente al blues, le chitarre sono spesso in evidenza mentre l'organo è spesso in disparte, i testi raccontano più che altro della vita avventurosa dell'autore e dei suoi ingenui pensieri cosmopoliti e pacifisti. Il disco si apre con Far away from home, uno dei pezzi migliori e il più breve, la chitarra introduce il pezzo poi incalzata dalla voce, si trasforma in un country blues nella parte centrale per poi riprendere il tema di apertura in poco più di due minuti, molto molto bella; si prosegue con Freedom, un inno alla libertà dell'individuo, come dice il titolo, traccia lunga introdotta da un drumming solido ed efficace in cui subito si insinua un riff di chitarra indovinato e coinvolgente, dopo la canonica strofa vocale il gruppo si lancia in un pezzo strumentale quasi improvvisato, fra blues e jazz, per poi riconvergere al tema iniziale, anche questa una traccia piacevolissima; Time è ancora trascinata dalle due chitarre che si lanciano da subito in un rock'n'roll veloce e sfrenato, per poi virare verso una melodia molto dolce e malinconica e infine rilanciarsi nel rock'n'roll fino a riproporre la linea di apertura; I cannot keep for crying è il brano più lungo con i suoi quasi 15 minuti, è probabilmente il più dolce e malinconico, condotto dalla voce in primissimo piano e dalle immancabili chitarre, sfocia poi in un pezzo strumentale molto progressivo con l'organo che stavolta fa da padrone mentre le chitarre accompagnano solamente, in seguito i due strumenti si scambiano la scena fino all'ormai ovvia conclusione circolare; I ain't go no home (ramblin' man) è ancora un pezzo autobiografico per voce chitarra e armonica, breve e molto country; Deliverance è forse il pezzo più standard, composto da strofa e ritornello con chitarra e voce che conducono, a metà fra prog e blues; If i was another man è invece la traccia più blueseggiante, introdotta da voce e chitarra in una melodia molto coinvolgente che poi si evolve in un pezzo improvvisato con organo e basso in grande evidenza, infine ripropone un pezzo cantato come in apertura; infine From a tree è invece il brano meno convenzionale, parte in crescendo con una bella linea di chitarra poi incalzata dalla voce e dagli altri strumenti che si lanciano in un pezzo molto melodico e piacevole, per poi continuare a sviluppare il tema fino alla fine del brano. Un album raro, unico nel suo genere, la morte di Lelievre lo ha consegnato alla leggenda, sicuramente da ascoltare se si ha la fortuna di imbattersi in esso.

Nessun commento: